I Classici della Letteratura Africana

I SUPER CLASSICI DELLA LETTERATURA AFRICANA 


Amos Tutuola. “La mia vita nel bosco degli spiriti”, Adelphi 1983. (preceduto da ‘Il bevitore di vino di palma’).
Due favole ispirate alla mitologia yoruba e due gioielli della letteratura africana con cui il nigeriano Amos Tutuola ha proiettato l’Africa sulla scena letteraria mondiale. Una lettura che vi delizierà. 

 

Amadou Hampâté Bâ, “Amkoullel. Il bambino fulbe”, Ibis 2007.
Amkoullel è lo scrittore da giovane, che si racconta con una sensibilità tutta africana per il dettaglio e un gusto per la parola che ricorda e crea.
Ahmadou Kourouma, “I soli delle indipendenze”, E/O 2005.
I soli delle indipendenze sono quelli che splendono su molti paesi africani attorno al 1960. Il colonialismo sembra battuto e una nuova alba sembra sorgere sul continente. Ma il sole può anche far male: è quello che sperimenta sulla sua pelle Fama, il protagonista di questo capolavoro del più grande scrittore ivoriano.

Olive Schreiner, “Storia di una fattoria africana”, Giunti 2002.
Pubblicato nel 1883, è il primo romanzo scritto in Africa e da una donna – bianca, di origine olandese, figlia di missionari; romanzo che per la forza delle idee progressiste, femministe e di denuncia del razzismo fece scandalo conquistando alla sua autrice una enorme popolarità.

Ben Okri, “La via della fame”, Bompiani 2000.
E’ uno dei capolavori assoluti della letteratura africana: attraverso gli occhi di Azaro, bambino fatato, destinato a morire e rinascere più volte perché più vicino al mondo degli spiriti che a quello degli uomini, Okri racconta la storia del suo paese, delle speranze e dei fallimenti post-indipendenza. Il libro ha un altro pregio: l’incipit più bello che vi sia mai capitato di leggere!

Ken Saro-Wiwa, “Sozaboy”, Baldini Castoldi Dalai 2005.
Un libro che non dà scampo: la storia di una guerra – è quella del Biafra, ma potrebbe essere qualsiasi guerra – raccontata attraverso le vicissitudini di un “Sozaboy”, un soldato per caso, che sogna di diventare uomo e pensa di poterlo fare imbracciando un fucile. Un inno alla pace attraverso il racconto delle insensatezze della guerra.

Nuruddin Farah – “Segreti”, Frassinelli 2002.
Da tempo tra i nomi in odore di Nobel, Farah è un raffinato narratore della sua Somalia, della sua gente e delle sue storie. Questa è la storia di Kalaman e Sholoongo, un uomo e una donna che si ritrovano dopo anni e iniziano insieme un viaggio a ritroso nelle loro vite, fatte di misteri, segreti, di legami e radici. Sullo sfondo, una Somalia sull’orlo della guerra civile.

Cheikh Hamidou Kane – “L’ambigua avventura”, E/O 2003.
Tutti quelli che vogliono avere un’idea di quello che sia stato l’incontro/scontro tra europei e africani agli albori della modernità dovrebbero leggere il capolavoro di questo scrittore senegalese. L’intero libro può essere riassunto da una sua splendida frase: “Non abbiamo avuto lo stesso passato, noi e voi, ma avremo rigorosamente lo stesso futuro”.

Mia Couto – “Sotto l’albero del frangipani”, Guanda 2002.
Ermelindo Mucanga, ex carpentiere mozambicano: non è più vivo, è un “xipoco”, un’anima destinata alla pena perché morto senza i riti tradizionali, privo della memoria dei suoi cari e per questo condannato alla terra fredda. Accanto all’albero del frangipani, dove è stato seppellito, non può riposare: i suoi resti diventeranno simboli della lotta contro l’occupazione coloniale portoghese.

J. M. Coetzee – “La vita e il tempo di Michael K”, Einaudi 2007.
L’insensatezza della guerra torna nel racconto del grande scrittore sudafricano, attraverso le vicissitudini di Michael, un uomo strano, un po’ lento, che fugge dalle sirene, dal coprifuoco, dalle esplosioni alla ricerca di un luogo originario in cui vivere tranquillo. La guerra lo raggiungerà anche lì, ma si dovrà arrendere alla sua saggezza
Annunci

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

2 risposte a “I Classici della Letteratura Africana

  1. Stella

    Salve vorrei sapere se e ‘ possibile rivevere informazioni su un Uomo della giordania
    Cordialmente saluti

  2. Salve
    Vorrei avere informazioni e se e’ possibile tramite web di un uomo della giordania
    Cordialmente saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...