BIBLIOTECA

 ANTROPOLOGIA

Amselle, Jean Loup. 2004. Logiche meticce. Antropologie dell’identità in Africa e altrove. Torino: Bollati Boringhieri. Ed.or. 1990. 

Anderson, Benedict. 2000. Comunità immaginate. Origini e fortuna dei nazionalismi. Roma: Manifestolibri. Ed. or. 1991.

Appuradai, Arjun. 2007. Modernità in polvere. Dimensioni culturali della gobalizzazione. Roma: Meltemi. Ed. or. 1991.

Barley, Nigel.  Il giovane antropologo. Socrates

Bellagamba, Alice. 2008. L’ Africa e la stregoneria. Roma-Bari: Laterza

Matera, Vincenzo. 2017. Antropolgia contemporanea. La diversità culturale in un mondo globale. Bari: Laterza.

Tabet, Paola. 1997. La pelle giusta. Torino: Einaudi

Tabet, Paola. 2004. La grande beffa. Sessualità delle donne e scambio sessuo-economico. Catanzaro: Rubettino.

Santanera Giovanna. 2015. DOUALA SI METTE IN SCENA: NUOVE ESPERIENZE VIDEO IN CAMERUN. Milano: tesi di dottorato in co- tutela Università Biccocca, L’Ecole des Hautes Etudes en Science Sociales. Relatori: Prof. Ivan Bargna, Prof. Jean-Paul Colleyn

ARTE

Amselle,Jean-loup. 2007. L’arte africana contemporanea. Torino: Bollati Boringhieri. Ed.or. 2005.

Biografia plurale. Virginia Ryan: Arte, Africa e altrove / Africa, Art, and Elsewhere, a cura di / Eds. Ivan Bargna, Maurizio Coccia, Fabrizio Fabbri Editore, 2018, Italiano/English

Testi di / texts by  Ivan Bargna, Osei Bonsu, Maurizio Coccia, Steven Feld, Manuela De Leonardis, Silvano Manganaro, Virginia Ryan.

Un approccio multidisciplinare fra critica d’arte e antropologia dell’arte.

“Quel che traspare dalle opere di Virginia Ryan realizzate durante il periodo trascorso in Ghana e Costa d’Avorio, è l’immagine di un’Africa post-esotica e post-nostalgica, urbana e contemporanea, che non attende di essere scoperta per essere rappresentata (l’immaginario coloniale della conquista) ma che ha già  da sempre provveduto a dare una rappresentazione di sé. L’opera di Virginia Ryan si muove così nello spazio di dialogo e dissidio fra le retoriche occidentali alimentate dalla letteratura e dal cinema e le immagini che di sé stessi danno i diversi e molteplici attori africani: un grande archivio di memorie e di visioni, discrepanti e condivise, in cui gli uni si definiscono in rapporto agli altri. Per questo anche la sua opera, non meno della sua biografia, è plurale.”

Bargna Ivan, 2011. Gli usi sociali e politici dell’arte contemporanea fra pratiche di partecipazione e di resistenza , Annuario di Antropologia, 13, pp. 75:106

Bargna Ivan, 2009. Sull’arte come pratica etnografica. Il caso di Alterazioni Video. Molimo. Quaderni di antropologia culturale ed etnomusicologia, 4, pp. 15:40

Bargna, Ivan, 2007. “Giovani lupi dalle lunghe zanne. Metamorfosi dell’arte alla chefferie di Bandjoun”. Immagini in opera. Nuove vie in antropologia dell’arte. Napoli: Liguori. 99-128.

Bargna, Ivan. 2006. Arte Africana. Milano: Jaca Book. Ed. or. 1998

Bargna, Ivan, 2006. “L’arte bamileke fra locale e globale”. Cultura, politica, memoria nell’Africa contemporanea. Pierluigi Valsecchi ( a cura di). Roma: Carocci. 77-103.

 

Caoci, A., 2008. Antropologia, estetica e arte. Franco Angeli: Milano,

Pink S., 2014. Doing Visual Ethnography. Sage Publ: London,

Quartullo, Giuliana. La profanazione del sacro a Dschang. L’arte africana e la storia. Youcanprint

Svasek, M., 2007. Anthropology, Art and Cultural Production. Pluto Press: London,

 

RIVISTE

African Arts: 49:2, Kindle Edition, 2016

ANTROPOLOGIA ECONOMICA

Marce,l Mauss, 2002. Saggio sul dono, Einaudi editore: Torino
Roberto, Marchionatti, 2008. Gli economisti e i selvaggi. L’imperialismo della scienza economica e i suoi limiti, Milano: Bruno Mondadori

ECONOMIA

Philippe Hugon, 2003. Les Economies en développement à l’heure de la régionalisation. Paris: Karthala

Philippe, Hugon, 2016. Afriques, entre puissance et vulnérabilité. Paris: Armand Colin

FILOSOFIA

Ebenezer Njoh-Mouellé, E. Kenmogne. Philosophes du Cameroun. PUY.

Imbo, Samuel, Oluoch, 1988. A introduction to african Philosophy. Laham et al.: Rowman and Littlefield

Hallen, Barry, 2009. A Short History of african Philosophy. Bloomington and Indianapolis: Indiana University Press.

Mbembe, Achille, 2005. Postcolonialismo. Roma: Meltemi

Mbembe, Achille. 2017. Critique of black reason. Durham, NC: Duke University Press

en langue fraçaise, 2017 Critique de la raison nègre. Paris: Edition La Découverte

Originally from Cameroon and now teaching in South Africa and the US, Achille Mbembe has become one of the most influential political philosophers and cultural theorists of the 21st century. In this newly translated book (those of you who read French can try the original, Critique de la raison nègre), he traces notions of blackness and race back to the slave trade and the European enlightenment (hence the nod to Kant in the title) and links them to a humanist vision.

Masolo, Dismas A. 1994. African Philosophy in Search of Identity. Bloomington and Indianapolis: Indiana University PressWiredu, Kwasi (ed.). 2004. A Companion to African Philosophy. Malden, Oxford, Victoria: Blackwell Publishing.

Mudimbe, Valentin, I., L’invenzione dell’Africa. Roma: Meltemi

TEATRO

Ambassa Betoko, Marie-Thérèse. 2010. Le théâtre populaire francophone au Camerun (1970- 2003). Paris: Harmattan. 

RIVISTE SCIENTIFICHE

Africa e Mediterraneo, http://www.africaemediterraneo.it/it,

AeM85_cover_250x354.jpg aem87-preview-aem_250x354

Rivista semestrale, che dal 1992 presenta dossier su temi legati all’economia, alla società e alla cultura dei paesi africani e alle migrazioni internazionali soprattutto tra Africa ed Europa e alle migrazioni internazionali sopratutto tra Africa e Europa.

Africa e Mediterraneo, Ars & Urbis“, n.4/04 (50) maggio 2005. Un’ampia sezione è dedicata a Douala.

 

afriche e orienti, pubblicata da Aiep Editore, https://www.ibs.it/afriche-orienti, 

Copertina-immagine-2-500x630 images

La rivista “Afriche e Orienti” è nata nella primavera 1999 per iniziativa di un gruppo di studiosi e ricercatori riuniti nell’Associazione “Afriche e Orienti” esce trimestralmente. Essa si propone come strumento di conoscenza e di analisi della realtà contemporanea dell’Africa, del Mediterraneo e del Vicino e Medio Oriente e di temi quali l’immigrazione, lo sviluppo, la cooperazione, la multiculturalità e i diritti umani. Si rivolge ad un vasto pubblico non solo di specialisti e studiosi ma anche di studenti, insegnanti, operatori dello sviluppo e dell’associazionismo, giornalisti e funzionari di istituzioni pubbliche.

Cahier d’Études Africaines, pubblicata da EHESS, http://editions.ehess.fr/revues/cahiers-detudes-africaines/ 

https://journals.openedition.org/etudesafricaines/

index      cover-small245

Rivista trimestrale in lingue francese ed inglese fondata nel 1960, che predilige la pubblicazioni di articoli inediti frutto di ricerche originali nonché nuovi e consolidati apporti teorici. Basata su un approccio interdisciplinare, la rivista è  focalizzata sulle ricerce storiche ad antropologiche  sull’Africa, le Antille e l’America nera e  sulle le società influenzate dall’Africa nel mondo. 

2 risposte a “BIBLIOTECA

  1. Monica Dal Pos

    Manca un libro di Ivan Bargna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...