Archivi categoria: Uncategorized

NOTA DI SERVIZIO: FESTIVITA’ PASQUALI

Gentile Concittadino, Concittadina,

La informo che dal 29 di marzo al 18 di aprile 2021 l’ufficio consolare chiuderà per le festività pasquali. I servizi saranno nuovamente attivi da lunedì 19 aprile 2021. Nel caso in cui sorgesse una reale emergenza il numero telefonico dedicato dell’Ambasciata è sempre attivo. Durante questo periodo potrà rivolgersi all’Ambasciata. Per le pratiche scriva a: ambasciata.yaounde@esteri.it; per i visti scriva a: yaounde.visti@esteri.it.

Con i nostri migliori auguri di buona Pasqua.

Cher Usagèrs, Chères Usagères,

le Vice Consulat Honoraire sera fermé du 29 mars au 18 avril 2021. Le bureau consulaires sera opérationel à partir du 19 avril 2021. Pour se reinsegner et déposer des dossiers veuillez contacter les service consulaires de l’Ambassade: ambasciata.yaounde@esteri.it; yaounde.visti@esteri.it.

Joyeux Pâques.

Dear Madam, Dear Sir,

we inform you  that the Honorary Consulate will be closing from the 29th March to the 18 April 2021. During that period, all practices and procedures are processed by the Embassy consular service: www.ambyaounde.esteri.it.

Happy Easter!

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

VISTO AFFARI: RISPOSTE PIU’ VELOCI. LA COMMISSIONE EUROPEA CHIEDE IL SUO PARERE. LA PARTECIPAZIONE DELLE IMPRESE.

Gentile Connazionale,

Le inoltro, auspicando nella Sua attiva partecipazione, la comunicazione integrale redatta dall’addetta del settore economico e commerciale dell’Ambasciata, Siri Nangah Spora. Si tratta del questionario della Commissione Europea finalizzato ad accogliere i Suoi suggerimenti per velocizzare le risposte alle domande di visto per affari:

” Estimée Entreprise,
Dans le but de rendre le traitement des demandes de visa plus facile et plus efficace, tant pour les demandeurs que pour les Consulats, la Commission Européenne travaille sur la prochaine numérisation des visas d’entrée dans les pays de l’Union Européenne.

Dans le cadre de cette phase préliminaire, la Commission a récemment lancé une consultation publique sous la forme d’un questionnaire destiné aux demandeurs de visa, représentants de l’industrie, des transports et à d’autres parties prenantes potentiellement intéressées par l’exercice. La consultation devrait se terminer le 3 juin prochain.

Nous vous saurions gré de bien vouloir répondre au questionnaire susmentionné au lien suivant: https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/have-your-say/initiatives/12758-Digitalisation-of- visa- procédures / consultation publique

En vous remerciant de votre coopération, nous vous adressons nos meilleures salutations.

Spettabile impresa,

con l’obiettivo di rendere la trattazione delle domande di visto più facile ed efficiente, sia per i richiedenti che per i Consolati, la Commissione europea sta lavorando sulla prossima digitalizzazione dei visti d’entrata nei paesi dell’Unione Europea.

Nell’ambito di tale fase preliminare, la Commissione ha recentemente lanciato una consultazione pubblica sotto forma di questionario rivolto a richiedenti visto, rappresentanti dell’industria, dei trasporti e altri stakeholder potenzialmente interessati all’esercizio. La consultazione e’ prevista concludersi entro il 3 giugno p.v.

Si sarà grati a codesta impresa di voler rispondere al questionario summenzionato al seguente link :https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/have-your-say/initiatives/12758-Digitalisation-of-visa-procedures/public-consultation

Nel ringraziare per la collaborazione, porgiamo cordiali saluti.

Sirri Nangah Spora

Attachée Secteur Economique Commercial

Ambassade d’Italie

Tel.: + 237 220 20 94 74″.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

NUOVA SCADENZA CERTIFICATO ESISTENZA IN VITA PER LA PENSIONE

Gentile Connazionale,

La invito a leggere attentamente la nota informativa sul posticipo delle date entro le quali presentare il certificato, che accerta l’esistenza in vita per il ritiro della pensione. Un cordiale saluto.

L’INPS, in considerazione dell’emergenza sanitaria internazionale tuttora in corso relativa al contagio da Covid-19, ha condiviso con Citibank nuove tempistiche relative al processo di verifica dell’esistenza in vita di coloro che riscuotono le pensioni all’estero, a modifica di quelle precedentemente stabilite.

Le nuove scadenze messe in atto sono riconducibili rispettivamente alle fasi di verifica già intraprese per gli anni 2019-2020, nonché all’avvio delle fasi di verifica per gli anni 2020-2021 per i sottoelencati gruppi di Paesi:

  • Americhe (Nord, Centro e Sud), Paesi scandinavi, Stati dell’Est Europa e paesi limitrofi, Paesi asiatici e del Medio ed Estremo Oriente
  • Europa, Africa e Oceania

Per i pensionati residenti nel Continente americano, Paesi scandinavi, Stati dell’Est Europa e Paesi limitrofi, Asia, Medio ed Estremo Oriente, nonché per quelli residenti in Europa, Africa e Oceania, i quali non abbiano potuto portare a termine le verifiche avviate nell’ ottobre 2019, l’Istituto ha deciso di differire di tre mesi il termine finale per la restituzione delle attestazioni, inizialmente previsto a febbraio 2021.

Conseguentemente, qualora il processo di verifica non fosse portato a termine entro la nuova data indicata del 7 maggio 2021, il pagamento della rata di giugno 2021 avverrebbe in contanti presso le Agenzie di Western Union e, in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro il 19 giugno 2021, il pagamento della pensione sarebbe sospeso dalla banca a partire dalla successiva rata di luglio 2021.

Per quanto concerne invece le verifiche per il periodo 2020-2021 per i pensionati residenti in Europa, Africa e Oceania, sempre in accordo con Citibank, l’INPS ha deciso di differire di quattro mesi l’avvio della campagna di verifica, programmato a gennaio 2021. Pertanto, Citibank avvierà la spedizione dei moduli di richiesta di attestazione dell’esistenza in vita la prima settimana di maggio 2021 e tale modulistica dovrà essere restituita alla banca entro il 7 settembre 2021. Qualora il processo di verifica non fosse completato entro il termine fissato, il pagamento della rata di ottobre 2021 avverrebbe in contanti presso le Agenzie di Western Union e, in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro il 19 ottobre 2021, il pagamento della pensione sarebbe sospeso dalla banca a partire dalla successiva rata di novembre 2021.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

MACCHINARI, LOGISTICA, TRASPORTI, AUTO, ENERGIA, AGRO- PROCESSING ED EXPORT: INTERESSI ITALIANI INTERESSATI DAL LIBERO SCAMBIO IN AFRICA. “OCCHIO A”: SUDAFRICA, KENYA, GHANA, AFRICA DEL NORD. E COSTA D’AVORIO

Gentile Cittadino, Cittadina,

come anticipato riporto le interviste di Alberto Magnani a Marina Mira Ercole, consulente al think tank di “The European House Ambrosetti”, e ad Alberto Quintavalla, responsabile sales manager di Cft Group, sulle possibilità e sulle difficoltà del African Continental Free Trade Africa. Buona lettura!

Intervista 1. Marina Mira d’Ercole, “Macchinari e logistica tra i settori d’interesse”

Uno degli obiettivi dell’Acfta è aumentare l’attrattività del continente verso le imprese internazionali. Incluse quelle italiane, anche se bisognerà attendere “il medio periodo” prima che l’intesa dia i suoi frutti. Lo pensa Marina Mira Ercole, consulente al think tank ” The European House Ambrosetti”.

Quali settori potrebbero interessare le imprese italiane?

Vari. Il comparto dei macchinari funzionali all’industrializzazione interna, il packaging per garantire food security standard, ma anche tutto il settore della logistica e dei trasporti a partire dai comparti del ferroviario per il trasporto merci.

A proposito di trasporti: l’auto?

Anche l’automotive è un settore che dovrebbe svilupparsi per grandi cluster regionali, e farà da leva a una filiera locale di componenti. Infine tutto il settore energetico anche in vista dello sviluppo della green economy, le costruzioni e l’agro-processing e la cessione di tecnologie su vari fronti, dal digitale al know how di processo (ad esempio water management).

I Paesi da tenere d’occhio ?

Il Sudafrica, che incide sul 30%del Pil africano, il Ghana ma anche la Costa d’Avorio, il Kenya e i Paesi dell’Africa del Nord. La Nigeria è meno aperta di altre economie africane, ma per dimensione può avre un suo potenziale.

I limiti dell’accordo non mancano…

Credo che il problema piu’ grande, oltre alla complessità implementativa, siano le improvvise crisi politiche. Nessuno pensava ad una crisi così importante in Etiopia, o all’instabilità nel Mozambico del Nord, alla crisi dei Paesi del Sahel o l’irrisolta stabilizzazione della RDC.

La UE che ruolo può giocare ?

Può e deve posizionarsi come partner privilegiato. Non solo perché una maggior presenza e sforzo di cooperazione è di reciproco interesse economico, politico e sociale (si pensi al tema migratorio) ma perché c’è un tema di legame culturale che va coltivato. La Cina fa storia a sé, Russia e Turchia si inseriscono in Stati più fragili e sono quindi forze non certo unificanti. L’Accordo è un’occasione per ristabilire un rapporto.

Intervista 2. Alberto Quintavalla, “Il commercio interno aiuta il nostro export”.

Aberto Quintavalla è regionale sale manager di Cft Group, un gruppo di Parma che si occupa di impiantistica e confezionamento di alimentari. La società è già presente in varie aree dell’Africa nei settori di prima trasformazione, seconda trasformazione e packaging secondario in vari imballaggi come scatole in banda stagnata, lattine, pet e imballaggi flessibili. Nonostante la crisi del Covid, il mercato africano è valso il 155 del fatturato 2020 ed è in via di apertura una nuova fabbrica in Burkina Faso.

Che benefici vi aspettate dal debutto dell’African Continental Free Trade Area?

L’accordo può essere il volano che farà aumentare le quantità di export e il commercio tra Stati interafricani. Per un business come la prima trasformazione, la possibilità di esportare una commodity come il pomodoro concentrato o la purea di mango tra i vari Stati del continente africano e senza avere dazi all’importazione può favorire lo sviluppo di nuove realtà industriali e valorizzare l’enorme potenziale agricolo dei Paesi africani. Non va dimenticato che ad oggi il continente africano dipende molto dall’importazione di prodotti semi-lavorati da Cina (pomodoro concentrato) e India (purea di frutta tropicale).

Viceversa, che limiti vedete nell’accordo?

A mio avviso, il segnale di maggiore preoccupazione è la mancata ratifica da parte della Nigeria che è l’economia più grande e strutturata del continente. Senza la sua adesione l’area di libero scambio potrebbe avere un raggio d’azione limitato. Tanto per intenderci è come se all’interno della UE venissero a mancare le maggiori economie manifatturiere come Italia e Germania.

E sul fronte dell’implementazione?

Un’altra problematica è l’eccessiva burocratizzazione dei singoli Stati, che può rallentare il processo d’integrazione e ricezione delle norme, senza le quali si vanificherebbero i benefici portati dalla liberalizzazione del commercio.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Acfta: il 1° GENNAIO E’ NATA L’AFRICAN CONTINENTAL FREE TRADE AREA: L’AREA DI LIBERO SCAMBIO PIU’ GRANDE DEL MONDO. OBIETTIVI E ATTUAZIONI

Gentile Connazionale, Gentile lettore/trice

auspicando di farLe cosa gradita, pubblico l’articolo apparso domenica sul quotidiano “Il Sole 24 ore”, sull’accordo che dovrebbe dare luogo al più grande mercato di libero scambio del mondo. 54 Paesi africani dovrebbero realizzare un unione doganale, abbattendo i dazi e armonizzando le regole. Questi gli intenti, ora ci dovrebbero essere le concretizzazioni. Da segnalare la non partecipazione dell’Eritrea e la mancata ratifica al trattato della Nigeria, che è l’economia più grande e strutturata del continente. Seguiranno due interviste.

PROVE D’INTEGRAZIONE TRA LE ECONOMIE AFRICANE

Alberto Magnani:

” Lagos e Accra, la capitale economica della Nigeria e quella effettiva del Ghana, distano meno di 500 chilometri fra loro. Eppure, la tratta può chiedere fino a un giorno di viaggio per le migliaia di commercianti che si muovono sulla rotta passando per Benin e Togo. Una routine “puntellata da ingombranti controlli di frontiera e richieste di mazzette”, spiega Mahamadou Diarra, professore di economia all’Università di Koudougou e consigliere del presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kaboré. Quella fra le due città è solo l’esempio di una delle barriere che dovrebbero essere smantellate dall’African Continental Free Trade Area: il maxi – accordo di libero scambio che includerà 54 dei 55 Paesi del continente (solo l’Eritrea si è tenuta fuori , mentre la Nigeria non ha rettificato l’accordo)), entrato in vigore il 1° gennaio 2021 dopo un ritardo di sei mesi a causa del Covid.

Si parla della più importante area free-trade che sia mai stata approvata su scala globale, con un bacino di 1,2 miliardi di persone e un Pil complessivo che si aggira sui 3.400 miliardi di dollari Usa. Il patto, orchestrato dall’Unione Africana e ratificato allo scorso dicembre da 34 Paesi, mira alla creazione di un mercato unico per la circolazione di merci e capitali, con una spinta all’industrializzazione che aumenti l’indipendenza delle economie e dei prodotti africani. Tra i pilastri ci sono la costituzione di un’unione doganale, l’abbattimento dei dazi sul 90% dei prodotti entro 2035, la liberalizzazione dei servizi chiave e il superamento delle barriere non tariffarie che intralciano il commercio interno al continente, riducendo le lungaggini burocratiche e incentivando una maggiore armonizzazione normativa. Il potenziale è sterminato, almeno sulla carta.

La Banca mondiale si è spinta a pronosticare un incremento di 450 miliardi di dollari Usa per l’economia africana entro il 2035 (+7%) con 76 miliardi di valore aggiunto per il resto del mondo. Le esportazioni, sempre secondo la World Bank, potrebbero lievitare progressivamente di 560 miliardi di dollari. Come? Il primo effetto benefico dell’intesa arriverebbe dal potenziamento degli scambi intra-africani, oggi schiacciati su valori minimi rispetto agli standard internazionali. “Tra 2010 e 2019, quasi il 90% delle esportazioni dell’Africa era diretto fuori dal continente. In Asia ed Europa la proporzione è inferiore al 40% – spiega Diarra dell’Università di Koudougou-. La riduzione dei dazi doganali e barriere non tariffarie permetterebbe di “creare” scambi di beni e servizi tra i Paesi africani, tanto più che il continente è molto poco sfruttato”.

L’incremento dell’export verso altri Paesi africani, fermo nel 2017 al 16,6% del totale, può un effetto-leva a favore di due tasti dolenti dell’economia continentale: industrializzazione e diversificazione. Sul primo fronte, ” l’aumento delle dimensioni del mercato permetterà alle imprese di penetrare in settori caratterizzati da economie di scala, in particolare in manifatturiero – spiega Diarra-. A lungo termine l’accordo, è uno strumento per la creazione di posti di lavoro dignitosi e quindi una buona leva per ridurre la povertà del continente”. Sul secondo, l’incremento di dimensioni di mercato giocherebbe un ruolo chiave nella trasformazione industriale.

“L’accordo – dice Diarra- – promuoverà la diversificazione verticale delle esportazioni dei Paesi africani, penetrando nelle catene globali dei valori e, magari, facilitando la rottura di monopoli e oligopoli nazionali”. Fin qui, però, si parla di obbiettivi. L‘Acfta è un esperimento inedito e rappresenta il culmine, simbolico, di un processo di integrazione che rientra negli obiettivi fondanti dell’Unione Africana. Ora si passa alla fase più ostica, quella dell’attuazione.

” E’ un’intesa che crea un momento politico importante e dà visibilità al processo di integrazione – dice al Sole 20 Ore, Sean Woolfrey, policy officer al think tank Ecdpm- Ma attuarlo significa approvare leggi e fare cambiamenti istituzionali. Non sarà facile”. Fra gli ostacoli ci sono infrastrutture fragili o del tutto assenti, burocrazie invasive e magari ostili all’apertura economica (si legga il caso della Nigeria nell’articolo a fianco), fino a un’instabilità politica cha va dall’escalation du violenze terroristiche in Sahel e Mozambico alle crisi di Paesi stabili, come l’Etiopia. Senza dimenticare la ferita aperta del Covid, la pandemia che prima ha arrestato la corsa più che ventennale del Pil continentale e ora, nella sua seconda ondata, si sta manifestando con numeri che preoccupano “anche” per un impatto sanitario meno evidente nel 2020.

Il paradosso, però, è che proprio la crisi pandemica potrebbe aver sortito un effetto – involontariamente – positivo: mettere in risalto i limiti della dipendenza dall’esterno e accentuare l’urgenza di un’ integrazione economica e politica. Come ha ricordato il presidente del Ghana, Nana Akufo-Addo, una delle ambizioni della “nuova Africa” è diventare davvero autonoma.

Fonte: “Il sole 24 ore”, Domenica, 24 Gennaio, 2021, pag. 7., Anno 157°, Numero 23, http://www.ilsole24ore.com

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

PER I GENITORI LE CUI FIGLIE E FIGLI RESIEDONO A LIONE. PER LORO C’E’ UN SERVIZIO DI ASCOLTO PSICOLOGICO GRATUITO CONTRO IL DISAGIO CAUSATO DALLA PANDEMIA.

Ho il piacere di informare i genitori italiani i cui figli e le cui figlie risiedono regolarmente nella circoscrizione di Lione, che il Comites della città  ha avviato un servizio di sportello di ascolto psicologico gratuito in italiano. 

Il difficile contesto dell’emergenza sanitaria può avere dato luogo a stati di sofferenza psicologica, tra cui la solitudine e un’acuta e persistente stato di tristezza e apatia , che potrebbero trovare conforto inviando una email a: sportellolione@gmail.com. Ogni persona ha diritto a due incontri bisettimanali gratuiti dal vivo o online con una delle due psicologhe professioniste, che hanno aderito all’iniziativa. Il progetto è promosso in collaborazione con il Consolato Generale di Lione ed è finanziato dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione.   

3 commenti

Archiviato in Uncategorized

AUGURI DI BUON ANNO

Le persone che lavorano al Vice Consolato Le porgono un sentito augurio di Buon Anno.
Con i migliori auspici ad ognuno e ad ognuna di Voi.
Mauro, Monica, Marcelle e Afnaire.

 

 

10 commenti

Archiviato in Uncategorized

NOTA DI SERVIZIO: FESTIVITA’ NATALIZIE

Gentile Connazionale, Utente

Le rendo noto che dal 15 dicembre 2020 al 10 gennaio 2021 l’ufficio consolare sospenderà l’ordinaria attività, che riprenderà lunedì 11 gennaio 2021. Nel caso in cui sorgesse una reale emergenza il numero telefonico dedicato dell’Ambasciata è sempre attivo. Durante questo periodo potrà rivolgersi all’Ambasciata: per le pratiche scriva a: ambasciata.yaounde@esteri.it; per i visti scriva a: yaounde.visti@esteri.it.

il Console

e le sue collaboratrici

augurano a Lei e alle persone a lei care

un sentito augurio di buon Natale.

Mesdames, Messieurs,

Le Vice Consulat Honoraire sera fermé du mardi 15 décembre 2020 à dimache 10 janvier 2021, les services consulaires seront disponibles de nouveau à partir du lundi 11 janvier 2021. Pour se reinsegner et déposer des dossiers veuillez contacter les service consulaires de l’Ambassade: ambasciata.yaounde@esteri.it; yaounde.visti@esteri.it.

Monsieur

le Consul ainsi que

ses collaboratrices.teur

Vous souhaitent de bonne Fêtês

ê

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

NUOVO DPCM: SPOSTAMENTI DA E PER L’ITALIA

 

Gentile Utente,

nel link riportato in calce potrà leggere le NORME che regolano gli spostamenti dall’estero all’Italia e dall’Italia verso l’estero a partire dal 4 dicembre 2020, nel quadro dell’emergenza Covid 19: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html. 

Buon viaggio!

 

 

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

REBUS AFRICA

Gentile Utente,

scorrendo i grandi giornali europei mi sono soffermato su questo articolo pubblicato sul giornale tedesco “Die Welt” e riportato anche dal quotidiano “La Repubblica”. L’articolo si interroga sulle possibili ragioni del basso tasso dei contagi da Covid-19 in Africa: “Il pronosticato impatto terrificante del coronavirus in Africa non ha trovato conferma, i dati del contagio restano bassi, confronto ad altre Regioni. Come mai? E quali altri rischi corre il continente?”, si chiede il giornale tedesco. E formula cinque ipotesi. “1. Casi non denunciati possono essere superiori al previsto. Stando ai dati dell’OMS in Africa si è registrato solo il tre per cento dei decessi mondiali a seguito della pandemia, 41.000 morti”. “2. Età e luogo di residenza sono decisivi. Più del 60 per cento degli africani hanno meno di 25 anni, solo il tre per cento superano i 65.

Non sorprende che i malati di Covid-19 siano più giovani in Africa che in altri continenti e che l’infezione molto spesso abbia un decorso più mite. Più del novanta per cento dei casi registrati nell’Africa subsahariana riguardano pazienti sotto i sessant’anni e l’ottanta per cento di tutti i casi sono asintomatici”.  “3. Ciò nonostante molti interrogativi restano senza risposta. La maggior parte dei paesi africani ha reagito con tempismo. E in paesi come Nigeria, Liberia e Congo, le autorità hanno messo a frutto l’esperienza maturata nella lotta al virus Ebola e ad altre malattie infettive.

Ma neppure i massimi esperti sanno dare spiegazioni chiare sui motivi dell’andamento relativamente blando dell’epidemia nella maggior parte dei paesi africani. Il sudafricano Shabir Madhi, uno degli immunologi più famosi del continente, ipotizza che altri coronavirus precedentemente in circolazione abbiano contribuito a creare un’immunità di gruppo”. “4. Troppo presto per dare il cessato allarme. Per il momento non è in previsione per l’Africa una seconda ondata pari a quella che sta vivendo ora l’Europa. Il Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa CDC) ha comunicato un aumento dei nuovi casi pari solo al 4%. Però in paesi come il Sudafrica, l’Uganda e il Kenya, i contagi sono in aumento, in Sudafrica i ricercatori allertano sul rischio di una seconda ondata”. “5. Indirettamente è il continente più colpito.

A differenza dell’Europa, la maggior parte dei paesi africani hanno posto fine al lockdown della prima ondata quando i contagi erano ancora in aumento soprattutto per motivi economici. Secondo le stime della Banca mondiale, in Africa altri 43 milioni di individui potrebbero cadere in estrema povertà per le conseguenze economiche della pandemia. In molti paesi africani sono stati azzerati i progressi nella fornitura di energia elettrica, quest’anno saranno 13 milioni in più gli individui privi di accesso a questa risorsa così importante per l’economia e la scuola. I prezzi dei generi alimentari aumentano, i governi tagliano in molti luoghi i buoni benzina, e alla Sanità pubblica scarseggiano ulteriormente i mezzi”.

Buona lettura!

5 commenti

Archiviato in Uncategorized